Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Samsung Note 7 debutta oggi: tutte le indiscrezioni su come è 

L’attesa è finita, oggi a New York Samsung svelerà il nuovo Note 7, sesta generazione del capostipite di tutti i phablet 

Partiamo dal nome: la numerazione del modello, se dovesse seguire la successione numerica, sarebbe dovuta essere Galaxy Note 6, visto che l’ultimo in commercio è il Galaxy Note 5. Pare però, anzi è confermato che il nuovo dispositivo si chiamerà Note 7, saltando di fatto il numero 6.     Samsung pare abbia saltato un numero presubilmente per due motivi: il primo è che probabilmente l’azienda coreana non vuole ingenerare dubbi ai consumatori, proponendo un Note 6, che potrebbe sembrare più “vecchio” del Samsung Galaxy S7. La seconda ipotesi è da imputare all’eterno rivale Apple, che presto annuncerà l’iPhone 7, e quindi presentare un nuovo modello con la stessa numerazione, potrebbe giovare alle vendite, facendo capire ai consumatori che l’azienda è al passo della Apple. In sintesi sono solo motivazione di marketing e nulla più.

A livello di design è probabile (visti anche il leakage di foto attendibili) che il nuovo arrivato sia un mix di Galaxy Note 5 e Galaxy 7: da questo si può intuire che si avrà uno schermo dual edge curvo su entrambi i lati, inserito in uno chassis di alluminio che sarà resistente ad acqua e polvere. 


Il display dovrebbe essere da 5.7 pollici anche se qualche rumors sul web aveva indicato nelle scorse settimane una diagonale da 6 pollici. 

Di sicuro è più  stretto del Note 4: come si desume dalle cover per il “7” gia in vendita.

 

La risoluzione sarà Quad Hd e la tecnologia Super Amoled e si annuncia una densità record in termini di pixel per pollice.


L’hardware conterà su un processore che per quanto riguarda gli Usa e la Cina dovrebbe essere uno Snapdragon, probabilmente il modello 823, affiancato da 6 GB di RAM LPDDR4 (online ci sono rumors indicano anche 4 GB) mentre il processore usato nei modelli in vendita in Europa dovrebbe essere un Exynos 8893


Le fotocamere anteriori e posteriori saranno con molto probabilità le stesse del Galaxy 7, ovvero una frontale da 5 megapixel e una posteriore da 12 megapixel con tecnologia Dual Pixel.


Una bella novità potrebbe essere l’integrazione della porte USB Type-C, utilizzata sia per la ricarica dello smartphone sia per il collegamento a un PC. Probabile una nuova stile S-Pen, mentre a livello di tecnologie si dovrebbe poter contare sulla scanner dell’iride per sbloccare il phablet invece di password, lettori di impronte digitali, ecc.


Qualche dubbio sul sistema operativo che sarà installato: con molta probabilità sarà ancora Android 6.0.1 Marshmallow, ma si vocifera che la ciliegina sulla torta di questo dispositivo riguardi la presenza di Android 7.0 Nougat.


Il phablet sarà poi disponibile nei negozi a fine agosto / primi di settembre. Molta curiosità riguarda anche il prezzo di vendita, che di certo non sarà abbordabile visto che si parla di almeno 850/880 euro per la versione da 64 GB di memoria storage ed ancora non noto quali saranno i tagli di memoria disponibili ma ci sono indicazioni che la versione da 64 GB sarà la entry level e che potrebbero essereci edizioni da 128 e 256 GB. In ogni caso il Note 7 avrà la memoria espandibile (come su S7). Un gradito ritorno dopo la delusione che Samsung ha inferto ai suoi fan con la scelta di eliminare lo slot microSd in alcuni modelli come, per esempio, quelli della famiglia S6.


La batteria sarà non sarà sostituibile dall’utente e si vocifera che sarà piuttosto corposa: be 4000 mAh.