Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Maggiolino Cabriolet, il ritorno di un mito

BeetleCabrio_20130210001
Ritorna un mito. È Maggiolino Cabriolet, cioè la versione aperta dell'ultima generazione della Volkswagen per antonomasia, reinvetatata due anni fa da Walter de Silva.
La tradizione è rispettata: è veramente cabrio. Infatti la carrozzerria è del tutto priva di montanti e i vetri vanno giu completamente a filo di linea cintura. ll Maggiolino Cabriolet mantiene la classica formula a quattro posti della versione chiusa, oltre ad adottare una capote in tela. Fin dal primo sguardo il sapore è retrò. Da batticuore, soprattutto per chi nella sua vita ha avuto o ha anche solo guidato un maggiolotto eraperto
Immutate o quasi le misure rispetto alla versione chiusa: il Maggiolino Cabriolet è lungo 4.278 mm, largo 1.808 mm, ma leggermente più basso: 1.473 mm. Così già dalle proporzioni, appare notevolmente più sportivo e moderno del modello che va a sostituire. I centimetri guadagnati in più in lunghezza si traducono, poi, in maggiore disponibilità di spazio nell'abitacolo e nel bagagliaio. Il design derivato dal nuovo Maggiolino "chiuso" ha permesso di abbassare la capote senza ridurre l'abitabilità. Anche a tetto chiuso forme sono più slanciate che richiamano più da vicino il modello originale costruito dal 1949 al 1980 in 330.000 esemplari. La capote, poi, impiega soltanto 10 secondi per l'apertura è può essere azionata fino a 50 kmh, andando ad occupare uno spazio minimo nel vano posteriore per non ridurre la visibilità. Il bagagliaio ha una capacità di 225 litri e può essere ampliato abbattendo i sedili posteriori. Proprio dietro agli schienali posteriori sono nascosti inoltre due roll bar estraibili, che assicurano massima protezione in caso di ribaltamento. La gamma dei motori ricalca quelli già disponibili per la versione "chiusa" e cioè i tre a benzina di 1.200 cc da 105 cavalli il 1.400 cc da 160 cv e il duemila da 200 cv benzina.
Non mancano ovviamente turbodiesel, ci sono infatti il noto 1.600 cc da 105 cv (forse il motore più adatto) e il due litri da 170 cv. La vettura è offera con trasmissioni manuali e automatiche.
Alla guida si dimostra pronto alle ripartenze e con una riserva di potenza inespressa visto che si deve fare i conti coi severi limiti di velocità americani. Sterzo preciso, freni potenti e una sensazione di sicurezza.
Sono disponibili a richiesta dotazioni quali fari bixeno, sistema di chiusura e avviamento automatici (Keyless Access), illuminazione ambiente, sound system Fender (400 watt), climatizzatore automatico, sistema di navigazione con "touchscreen" e disco fisso, strumenti supplementari sulla plancia come cronometro, temperatura olio, pressione di sovralimentazione e cerchi in lega leggera da 18 e 19 pollici. Il Volkswagen Maggiolino Cabriolet sarà disponibile negli Stati Uniti già dalla fine di questo mese, mentre in Italia da fine marzo dell'anno prossimo. I prezzi hanno un range compreso tra 23.800 e 32.600 euro.

  • 59raf |

    Sara’, ma nel Maggiolino c’e’ ancora qualcosa che non convince

  Post Precedente
Post Successivo